Studio Azara

COS'E' UN CONTRATTO

La LOCAZIONE è quel contratto (il codice civile definisce il contratto come l'accordo di due o più parti per costituire, regolare o estinguere fra loro un rapporto giuridico patrimoniale) mediante il quale, una delle due parti detto Locatore, attribuisce il godimento, di un determinato bene, per un certo periodo di tempo, ad una altra parte detta Locatario o Conduttore, in cambio di un determinato corrispettivo: il canone di locazione.

CONTRATTO DI LOCAZIONE

I contratti di locazione devono essere redatti in forma scritta "ad substantiam" a pena di nullità (art. 1, comma 4, legge 431/98, ex art. 1350 c.c., comma 8, in precedenza era richiesta la prova scritta solo per i contratti con durata superiore ai nove anni) e devono essere registrati entro 20 giorni dalla stipula. La quota da pagare è il 2 % sull'importo annuo.
Importante sapere che dal 1° gennaio 1999 anche i contratti di importo inferiore a € 1.291,14 annue debbono essere registrati, mentre prima erano esenti (art. 21, legge 449/97).

CONTRATTI DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO

I contratti di locazione ad uso abitativo si dividono in tre tipi e sono:
  1. Contratto di locazione di immobile urbano
  2. Contratto di locazione di natura transitoria
  3. Contratto di sublocazione di immobile urbano
INDIETRO